Samadhi, Satori e Mini-Satori.

Ho trovato in rete (in inglese) questa risposta di Osho riguardo al Satori e all'illuminazione.
Ho provato a tradurla in italiano. Ho preferito lasciare il termine Getting It, che non ha un suo equivalente preciso in italiano e dipende dal contesto. In questo caso è qualcosa come vicino a "ottenere una comprensione".
E' una domanda tratta da una serie di discorsi di sullo Zen (1977). Buona lettura.
(Il grassetto è mio, per migliorare la leggibilità).

Domanda: Che cos’è  ‘Getting it’ ? Che cosa è un “Mini” Satori e cosa un  “Totale” Satori'? E cos’è il Samadhi? Sono tutte  parti di qualche mappa?

Osho: La domanda è di Somendra.
'Getting it' significa venire a sapere che non c'è nulla da ottenere.
'Getting it' significa liberarsi di tutte le avidità, le ambizioni , di tutti gli obiettivi. Il giorno in cui  tu comprendi che le cose sono perfette così come sono , lo raggiungi. Il giorno in cui riconosci il fatto che le cose non possono essere migliori di così, improvvisamente salti  in una luce nuova, in un nuovo essere, in una nuova coscienza.
'Getting it' è  sapere  che non vi è nulla da raggiungere.
Quando uno vive  un momento per momento: questo è il Samadhi.

Ma molte volte lo si ottiene e si perde.
Lo hai raggiunto più e più volte e lo hai perso. Quindi si tratta di un “Mini” Satori. “Mini” Satori significa un assaggio. E’ possibile che tu lo perda.

Somendra ne ha avuto un assaggio qualche giorno prima, quindi è venuto da me e ha posto la domanda.

Un “Mini”Satori è una prudente definizione di Satori.
Significa, Somendra, che si può perdere. Se non sei molto attento, sei destinato a perderlo. Se sei molto vigile puoi trasformarlo  in un Satori. Il Satori è un'esperienza che si è consolidata e non c'è modo di perderla.

Un “Mini”Satori è un'esperienza che accade di sfuggita, come una brezza. Improvvisamente vedi che ogni percezione è amplificata. L’obiettivo si apre. Ma si chiude come una macchina fotografica.
Prima di un Satori molti mini-satori possono accadere, a volte migliaia di “mini”satori, a volte centinaia, a volte pochi, a volte uno. Dipende dalla persona. Talvolta il primo Satori può diventare “IL” Satori, non è necessario che esso sia un “Mini” – dipende da te.

Ma quando succede a qualcuno di voi, vi invito a chiamarlo “mini” per una ragione. Il motivo è che voglio che siate vigili  in modo da non perderlo.
Può accadere un Satori, ma se io lo chiamo Satori immediatamente lo perderai e può diventare un “mini”.
Mi segui? Io lo chiamo “mini” in modo che possa diventare un Satori.

A volte si pensa che Osho sia molto avaro.
Perché si chiama “mini”? Perché non lo ha chiamato  Satori?
Si tratta di una dichiarazione molto cauta – devo proteggerti contro di te in molti modi. Anche se è Satori io lo chiamo “mini” – ricorda.
In realtà, 'mini' è una mia invenzione, la gente dello Zen non chiama “mini” nessun Satori.

Io lo chiamo “mini” e il motivo è molto, molto significativo.
Io voglio che tu sia molto, molto vigile e attento.
Un uomo che raggiunge un “mini” Satori è come la donna in gravidanza. Egli sta portando qualcosa di prezioso in lui. Ci sono tutte le possibilità di aborto spontaneo. Per evitare l’aborto spontaneo Io lo chiamo un “mini” Satori.
Se dico che è il Satori , può diventare troppo sicuro di sé, può diventare troppo egoista. E in questa fiducia ed egoismo il Satori è perso.

Un mini-satori è un assaggio. Esso dipenderà da te. Se lo nutri, allevi, proteggi, se ti interessa, esso può crescere in un Satori.
Ma è un morbido, tenero e fragile germoglio. Può essere distrutto molto facilmente. Qualsiasi incidente può rovinarlo.
Ricorda, tutto ciò che è grande è fragile. Una pietra è dura, una rosa più morbida. La roccia resisterà anche se non me ne prendo cura, ma una rosa ha bisogno di molta cura.
Il Satori è come un fiore, una rosa.

E un giorno l’intuizione accade e bisogna essere molto, molto responsabili da quel momento. Tu sei responsabile. Allora sei in debito.
L'Esistenza ti ha dato qualcosa. Non buttarla via,  puoi  gettata via molto facilmente. E 'molto difficile raggiungerla, è molto facile perderla.
Ecco come stanno le cose più elevate. Sono così sottili. Quindi io lo chiamo “mini”.

E poi che cosa è un Samadhi?
Il satori è quando sei diventato pieno di luce dentro di te, ma ancora c’è una separazione tra te e il tutto.
Il Satori è una persona diventata  “illuminato”, un Samadhi è quando l'intera esistenza si è illuminata attraverso la persona.
Ora la persona non è più separata.

Questo è il significato della molto strana dichiarazione del Buddha :che il giorno in cui è diventato illuminato, l'intera esistenza si illuminò. E 'molto strano perché sappiamo che non siamo diventati illuminati ancora e dice che l'intera esistenza si illuminò quel giorno. Ha ragione. Per quanto lo riguarda, l'intera esistenza è diventato illuminata quel giorno. E lo ripeto ancora una volta: il giorno in cui si illuminò l'intera esistenza si illuminò.

Samadhi significa che non sei più un individuo. Satori ti dà  un grande individuazione.
Prima del Satori sei un personaggio e non un individuo.
'Persona' deriva da una radice che significa personaggio, una maschera.
Prima del Satori sei solo una persona, una personalità, ma non una individualità.

E infatti, una persona non è mai una persona, una persona è molte persone – perché non si può tenere solo una maschera, si devono tenere molte maschere. In diverse situazioni sono necessari volti diversi.
Con tua moglie hai bisogno di un volto diverso, con il tuo amante un volto
diverso, con il tuo servo un altro, un altro con il tuo capo.
Devi andare a cambiare le tue facce. Non ci sono molte personalità. La personalità non è mai singolare, è sempre plurale. Tu sei una folla.
Quando sei una persona sei una folla, sei molti.
Il Satori ti rende uno. Poco a poco ti porta Unità nel tuo essere.
Quelle molte facce scompaiono, l’originale viso appare – individualità. 'Individualità' la parola significa India Bibbia – ciò che non può essere diviso. Indivisibile, assoluto tu divieni.

Con il  Satori divieni  individuale e il Samadhi ti rende universale. Per prima cosa non eri individuo perché eri una folla, ora di nuovo non sei un individuo, perché tu sei il tutto. Queste sono le tre fasi: la personalità, l'individualità, universalità.

Un “mini” Satori è un’intuizione della tua unità per un momento e poi lo perde e di nuovo sei molti. Sì, il tuo vero viso appare come in un sogno. Lo vedi, lo riconosci, sì, è lì, ti senti felice, ti senti tremendamente benedetto – e improvvisamente non c'è più, era una visione.
Ancora cadi nel tuo vecchio modello, vecchi comportamenti.
Ne avrai memoria, ne sentirai il profumo ma solo un ricordo.

Quando il Satori si è affermato poi non ti lascia, è sempre lì, proprio come la tua ombra che ti segue.
Quindi sei diventato un individuo. Poi bisogna perdere l'individualità.
Questa è tutta la matematica della spiritualità – da molti a uno e da uno a nulla.

Fonte: dai discorsi "Zen: The Path of Paradox Volume 1" di Osho.
 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lascia un commento!

Ti piace questo sito? Restiamo in contatto: clicca su Mi Piace.